Chiuse le aree verdi a Civitanova Marche. Il provvedimento del sindaco Ciarapica per evitare assembramenti

Scattano i sigilli su aree di verde attrezzato, parchi gioco, aree sportive e fitness, a Civitanova Marche. Alla luce delle troppe presenze di persone e dei continui assembramenti rilevati in questi due giorni di zona rossa, il sindaco Fabrizio Ciarapica ha immediatamente predisposto il transennamento delle aree verdi cittadine per limitare gli assembramenti nelle zone prese di mira da chi sta eludendo i divieti. Sin da ieri, infatti, i ripetuti controlli effettuati dalla Polizia locale e delle Forze dell’Ordine vengono continuamente vanificati da comportamenti che non tengono conto della normativa.
“L’introduzione di queste ulteriori restrizioni rispetto a quelle già in vigore da ieri – dichiara il sindaco Ciarapica – sono la conseguenza degli assembramenti registrati in città in queste ore. Dopo ripetuti sopralluoghi, mi sono confrontato con il dirigente del Commissariato Fabio Mazza, il comandannte della Polizia locale Daniela Cammertoni e l’assessore alla Sicurezza Giuseppe Cognigni, e la scelta condivisa è stata quella di emettere una specifica ordinanza di chiusura dei parchi pubblici. La nostra provincia è passata a zona rossa e le scuole sono chiuse perché l’alto numero di contagi rendono la pressione sul sistema ospedaliero troppo forte, occorre rispettare le distanze e se questo non viene fatto, l’unica alternativa possibile è inaspprire le misure. I controlli proseguiranno, ma se i cittadini non collaborano nel rispetto della normativa, pattugliamenti e senzioni, per quanto ripetuti, non potranno mai essere sufficienti”.
Si ribadisce che è possibile uscire solo per motivi di lavoro, di necessità e di salute.

Check Also

Lombardia e Marche, un binomio per il turismo. L’assessore Lara Magoni incontra il governatore Francesco Acquaroli e fa tappa a Tolentino

Il 20% dei turisti che hanno visitato le Marche nel 2020 sono lombardi: 322.089 gli …