Vaccini, al via nelle Marche la somministrazione a domicilio con i medici di base

Approvato dalla Giunta regionale, l’accordo con i medici di medicina generale per procedere con la somministrazione dei vaccini anti-Covid della popolazione, a domicilio e negli studi medici. Aperto anche un tavolo con le categorie economiche e produttive e la Camera di Commercio per definire un protocollo per la somministrazione dei vaccini anche nei luoghi di lavoro, nel massimo rispetto delle disposizioni sanitarie. “Ringrazio i medici di medicina generale – commenta il presidente della Regione Marche, Francesco Acquaroli – e tutte le sigle che hanno sottoscritto l’accordo, e tutte le associazioni di categoria, per disponibilità e l’alto senso di responsabilità dimostrate. Ricordo che nella nostra Regione, oltre alla vaccinazione per il comparto degli operatori socio-sanitari, gli ospiti delle RSA e gli over 80, sono iniziate le somministrazioni anche per il personale scolastico e delle università, le forze dell’ordine e il settore della sicurezza, e la categoria dei pazienti più fragili, con patologie, in carico al servizio sanitario regionale. È importante ricordare che l’andamento del piano vaccinale dipende soprattutto dalla disponibilità di dosi che viene inviata alle Regioni dallo Stato centrale”.

Check Also

Lombardia e Marche, un binomio per il turismo. L’assessore Lara Magoni incontra il governatore Francesco Acquaroli e fa tappa a Tolentino

Il 20% dei turisti che hanno visitato le Marche nel 2020 sono lombardi: 322.089 gli …