Borghi e centri storici da valorizzare con installazioni artistiche. L’assessore Latini: “Maggiore attrattività delle aree interne”

Un progetto speciale per valorizzare i borghi e i centri storici attraverso installazioni artistiche. E’ l’obiettivo della deliberazione approvato oggi dalla giunta regionale su proposta dell’assessore regionale alla Cultura, Giorgia Latini.
Un progetto che rientra nell’ambito della legge 53/20 e con una dotazione finanziaria per l’anno 2021 di 150 mila euro di contributi di cui beneficeranno i Comuni, cofinanziatori per la realizzazione degli interventi.
“Stiamo pensando a un progetto speciale a regia regionale da inserire in maniera permanente nel Programma triennale della Cultura 2021-2023 – ha spiegato l’assessore Latini – che metterà a confronto le migliori proposte di intervento artistico in borghi e centri storici, con modalità innovative e multimediali, per sperimentare come l’arte contemporanea possa intervenire sui luoghi, per cambiarne la fisionomia e promuoverne la conoscenza e l’attrattività, anche per un rilancio turistico soprattutto delle aree interne. In sostanza, vogliamo avviare un processo di riqualificazione delle realtà storiche urbane attraverso la promozione di occasioni di riflessione, confronto e integrazione sulle tematiche dell’arte contemporanea, favorendo e sviluppando interventi capaci di sviluppare la creatività anche attraverso modalità tecnologicamente innovative.”
Ogni anno potrà essere proposto un tema differente che per il 2021 è il ‘light design’, inteso come intervento capace di promuovere, attraverso la luce, una fattiva interazione fra ambiente urbano e arte/creatività contemporanea e di trasformare ‘i luoghi’ in vivaci e propositive realtà.
E proprio i Comuni, con una sorta di concorso di idee, dovranno garantire lo sviluppo di una progettazione sperimentale, in cui l’arte contemporanea, declinata attraverso effetti di illuminotecnica, diventi veicolo di valorizzazione e promozione anche turistica del territorio.
I progetti selezionati da una Commissione potranno aderire alla “Giornata internazionale della luce” promossa dall’UNESCO il 16 maggio di ogni anno, dimostrando come l’arte e la cultura possono aiutare a raggiungere lo sviluppo sostenibile. Luce e arte diventeranno il mezzo per condividere un’esperienza e recuperare luoghi, valori e oggetti, dando loro un nuovo significato e rinnovando la vivibilità culturale degli spazi urbani.
“Mi preme inoltre sottolineare – ha aggiunto Giorgia Latini – che questo intervento rappresenta anche una nuova e stimolante opportunità di lavoro e ricerca per artisti e professionisti della “luce” che vogliano misurarsi con la rigenerazione e la valorizzazione del nostro patrimonio.”
Attraverso un avviso pubblico rivolto ai Comuni saranno selezionati e sostenuti alcuni progetti , tramite un cofinanziamento regionale, su interventi di installazioni artistiche di ‘light design’ .per la valorizzazione dei borghi e dei centri storici con l’impiego della luce.
I Comuni beneficiari dovranno garantire una quota minima di cofinanziamento di almeno il 20% della spesa totale. Il contributo massimo da parte della Regione Marche sarà di 50.000 euro per l’intero progetto. I criteri di valutazione dei progetti vanno dalla qualità complessiva e fattibilità tecnica, alla valorizzazione dell’identità territoriale e della storia del patrimonio culturale e paesaggistico, alle prospettive a medio e lungo termine dell’impatto della installazione.

Check Also

Lombardia e Marche, un binomio per il turismo. L’assessore Lara Magoni incontra il governatore Francesco Acquaroli e fa tappa a Tolentino

Il 20% dei turisti che hanno visitato le Marche nel 2020 sono lombardi: 322.089 gli …