Desertificazione commerciale delle città italiane. Nel centro storico di Macerata rimaste 178 attività

Tra il 2012 e il 2020 è proseguito il processo di desertificazione commerciale e sono sparite dalle città italiane oltre 77 mila attività di commercio al dettaglio (-14%) e quasi 14 mila imprese di commercio ambulante (-14,8%). E’ il dato allarmante lanciato da Confcommercio Nazionale che con un’analisi sulla mortalità delle imprese nelle città, evidenzia una propensione negativa che con il Covid rischia di diventare drammatica. Nel 2021, solo nei centri storici dei 110 capoluoghi di provincia e altre 10 città di media ampiezza, oltre ad un calo ancora maggiore per il commercio al dettaglio si registrerà per la prima volta nella storia economica degli ultimi due decenni anche la perdita di un quarto delle imprese di alloggio e ristorazione (-24,9%). A Macerata calano le imprese commerciali che nel centro storico sono passate da 231 del 2012 a 178 del 2020 mentre al di fuori del centro storico sono passate da 311 del 2012 a 298 del 2018 con una ripresa nel 2020 (303).

Check Also

Ricostruzione, accordo quadro tra Commissario Straordinario sisma 2016, ActionAid e Cittadinanzattiva

Il Commissario Straordinario per la Ricostruzione post sisma 2016 Giovanni Legnini, ActionAid e Cittadinanzattiva hanno …