Marche da lunedì in “area gialla”. Acquaroli: “boccata d’ossigeno dopo un lungo periodo di restrizioni dure”

“Posso comunicarvi che nella prossima settimana la nostra regione sarà gialla. Una boccata d’ossigeno dopo un lungo periodo di restrizioni dure, ma dobbiamo restare prudenti perché il virus c’è e gira molto”, così, su Facebook, Il Presidente della Regione Marche Francesco Acquaroli, intervenuto nel pomeriggio di ieri una volta a conoscenza della fascia in cui le Marche saranno collocate da lunedì prossimo. Come previsto dal decreto-legge approvato dal Consiglio dei Ministri il 5 gennaio scorso, per il periodo compreso tra il 7 e il 15 gennaio 2021, vige il divieto, su tutto il territorio nazionale, di spostarsi tra regioni o province autonome diverse, tranne che per comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità o motivi di salute. È comunque consentito il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione, con esclusione degli spostamenti verso le seconde case ubicate in altra regione o provincia autonoma. Inoltre, nei giorni di oggi e di domani, si applicano su tutto il territorio nazionale le misure previste per la cosiddetta “zona arancione”. Sono comunque consentiti, negli stessi giorni, gli spostamenti dai Comuni con popolazione fino a 5.000 abitanti, entro 30 chilometri dai relativi confini, con esclusione degli spostamenti verso i capoluoghi di provincia.

Check Also

Roberto Procaccini è il nuovo primario di ortopedia dell’ospedale di Macerata

Roberto Procaccini è il nuovo primario di ortopedia e traumatologia dell’ospedale di Macerata. Ha appena …