Coronavirus, incontro con i sindaci del maceratese. Ceriscioli: “occorre una corretta prevenzione”

A Macerata chiuso il reparto di dermatologia: un medico è risultato positivo al Covid-19 con conseguente messa in quarantena di tutto il personale. Sempre a Macerata, il presidente della Regione Marche Luca Ceriscioli, con il sindaco Romano Carancini e accompagnato dall’assessore regionale Angelo Sciapichetti, dal consigliere regionale Francesco Micucci e dal direttore Area Vasta 3 Alessandro Maccioni ha incontrato nella sede della Biblioteca Mozzi Borgetti di Macerata tutti i sindaci della provincia maceratese.

“Occorre convincere i cittadini ad effettuare una corretta prevenzione, adottando giusti comportamenti individuali per evitare di entrare nella fase sanitaria del Coronavirus. La collaborazione è fondamentale. Ognuno di noi può e deve fare responsabilmente la propria parte. Abbiamo tenuto un atteggiamento rigoroso sulle linee guida dei tamponi perché non dobbiamo sottovalutare il virus ed è per questo che abbiamo dato precise indicazioni di spesa senza limiti di budget per acquistare ciò di cui c’è necessità per affrontare l’emergenza. Come nell’emergenza terremoto ci stiamo attrezzando con una piattaforma informatica per fornire i dati ai sindaci offrendo loro un quadro sempre aggiornato e preciso. Stiamo affrontando anche le ricadute economiche provocate dall’emergenza coronavirus, aprendo un tavolo regionale per supportare con fondi regionali la piccola e media impresa. Tutto questo condividendo le nostre scelte, come è accaduto ieri nell’incontro con tutti i Capigruppo del Consiglio regionale, con i quali ci siamo confrontati sulle scelte da adottare”. Così il presidente della Regione Marche Luca Ceriscioli.

Il sindaco di Macerata Romano Carancini da parte sua si è soffermato sulla responsabilità degli amministratori su alcune tematiche riguardanti in particolare l’informazione alla popolazione, l’attivazione del volontariato locale, l’organizzazione comunale dei servizi essenziali e della fornitura dei beni di prima necessità, l’assistenza alla popolazione e l’assistenza domiciliare dei cittadini in quarantena.

Maccioni ha rimarcato la flessibilità delle spese sanitarie per fronteggiare l’emergenza sottolineando che provvederà “all’acquisto di 2.000 mascherine chirurgiche nelle more della fornitura ordinaria per non pregiudicare le attività del presidio ospedaliero maceratese”.

IMG-20200306-WA0020 WhatsApp Image 2020-03-06 at 18.09.20

Check Also

Raddoppiano le iscrizioni extra UE all’Università di Macerata. Arrivate 3 mila domande

L’emergenza da Covid 19 non frena la corsa all’internazionalizzazione dell’Università di Macerata: per l’anno accademico …