Green Pass, cosa cambia dal 6 agosto. Acquaroli: “Poteva essere gestito in maniera diversa”

La Certificazione verde COVID-19, o Green Pass, è richiesta in Italia per partecipare alle feste per cerimonie civili e religiose, accedere a residenze sanitarie assistenziali o altre strutture, spostarsi in entrata e in uscita da territori classificati in “zona rossa” o “zona arancione”. Dal 6 agosto servirà, inoltre, per accedere a qualsiasi tipo di servizio di ristorazione al tavolo al chiuso, spettacoli, eventi e competizioni sportive, musei, istituti e luoghi di cultura, piscine, palestre, centri benessere, fiere, sagre, concorsi pubblici. Sul tema è intervenuto il Presidente della Regione Marche Francesco Acquaroli a margine di un incontro a Jesi con i sindaci. II Green Pass “poteva essere gestito in maniera diversa” con “scelte oggettive e meno ideologiche”, riferisce Acquaroli. “La certificazione doveva essere un’iniziativa da prendere per le grandi manifestazioni, da mettere in campo per occasioni che non incidono sulla quotidianità”, le sue parole.

Check Also

Montelupone, piano di opere pubbliche per 15 milioni di euro

Un nuovo volto per Montelupone, con nuovi servizi, nuove strutture e una serie di progetti …