Unimc e Unicam insieme per un Master con la Fondazione Carima

Presentato a Palazzo Ricci, a Macerata, il Master universitario di 1° livello interateneo per “Esperto in programmazione, valutazione e gestione degli investimenti pubblici e manager delle politiche e dei programmi di sviluppo e coesione” con rilascio di titolo di studio congiunto, promosso dalla Fondazione Carima in collaborazione con i due atenei della provincia di Macerata, durante la quale la Presidente Rosaria Del Balzo Ruiti e i Rettori John Mc Court e Claudio Pettinari hanno firmato la convenzione che disciplina il rapporto di collaborazione tra i tre enti.
Il corso si inserisce nel solco degli accordi quadro siglati nel 2022 dalla Fondazione Carima con l’Università di Macerata e l’Università di Camerino, finalizzati a realizzare attività di formazione, informazione e supporto operativo rivolte alle amministrazioni pubbliche provinciali, allo scopo di favorire la diffusione delle opportunità di finanziamento offerte dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) e dalla programmazione europea per il settennato 2021-2027 destinate alla crescita socio-economica del territorio maceratese, che comprendono temi importanti quali la transizione energetica e digitale, lo sviluppo dell’imprenditorialità femminile e giovanile, la riqualificazione dei centri urbani e rurali, la valorizzazione del paesaggio e del patrimonio culturale.
Nell’ambito di tali accordi si è configurata la possibilità di dare concreta attuazione agli stessi organizzando un master che avesse l’obiettivo di promuovere la formazione di giovani laureati e di dipendenti pubblici quali esperti in materia di progettazione europea ed assistenza tecnica alla implementazione progettuale, programmazione, gestione e rendicontazione dei fondi strutturali, nazionali con specifiche competenze sulle fonti di finanziamento europeo e sulla gestione dei progetti.
Entro il prossimo quinquennio, infatti, saranno a disposizione della provincia di Macerata 5 miliardi di euro riferibili alle risorse della ricostruzione post-sismica, del PNRR e del Fondo complementare, nonché della programmazione regionale dei fondi strutturali. Pertanto il sistema istituzionale dovrà sostenere un grande sforzo amministrativo, di monitoraggio e di rendicontazione che le regole d’ingaggio delle risorse straordinarie richiedono per non andare incontro a meccanismi sanzionatori o alla rinuncia dei nuovi fondi.
Siamo orgogliosi – ha dichiarato la Presidente Rosaria Del Balzo Ruiti – di essere riusciti come Fondazione Carima ad attivare un partenariato che ci vede insieme all’ateneo camerte e a quello maceratese, certi che questa collaborazione ci darà la possibilità di raggiungere risultati che singolarmente non avremmo potuto conseguire a vantaggio della crescita del nostro territorio. Volevamo essere di supporto agli enti e alle istituzioni maceratesi su un tema così cruciale e penso che questo master possa rappresentare uno strumento utile e valido che mettiamo a loro disposizione.
Difatti, come accennato, il corso è stato pensato non solo per i neolaureati ma altresì per i funzionari pubblici dei Comuni della provincia di Macerata, ai quali la Fondazione Carima coprirà il 50% del costo d’iscrizione che ammonta a 2.500 euro sino ad un massimo di 15 partecipanti. Il master, che prenderà avvio la primavera prossima e durerà un anno, prevede 1.500 ore complessive tra didattica in presenza presso l’Aula Verde all’Abbadia di Fiastra, didattica on line, studio individuale, formazione a distanza, stage e prova finale. Le strutture didattiche di riferimento sono la Scuola di Architettura e Design di Unicam e il Dipartimento di Economia e Diritto di Unimc cui compete, attraverso l’impiego dei propri docenti, la progettazione del percorso formativo, la definizione dei risultati di apprendimento e l’elaborazione dei programmi delle singole attività formative.
Siamo molto soddisfatti – ha affermato il Rettore Unicam Claudio Pettinari – di dare concretezza all’accordo firmato nei mesi scorsi con la Fondazione Carima ed avviare un percorso formativo in sinergia con l’Università di Macerata. Unicam ha infatti prontamente accolto la proposta della Fondazione Carima, mettendo ancora una volta a disposizione del territorio tutte le competenze, i saperi, le tecnologie, il know-how dei propri ricercatori e delle proprie ricercatrici sia nei settori tecnologico-scientifici e giuridici, che nella progettazione, nella certezza che potremo portare un contributo concreto. Ringrazio il Prorettore vicario Graziano Leoni, che sta coordinando per Unicam le attività ed i progetti che vengono messi in campo”
Così il rettore dell’Università di Macerata John McCourt: Le importanti risorse finanziarie che l’Unione Europea e l’Italia hanno stanziato a favore dell’economia italiana, soprattutto attraverso il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR), richiedono competenze molto specialistiche da parte degli enti territoriali chiamati a gestire progetti articolati sotto il profilo delle procedure e dei meccanismi di governance. Grazie alla collaborazione promossa dalla Fondazione Carima, l’Ateneo di Macerata, assieme all’Università di Camerino, ha aderito ad un importante progetto per la creazione di un percorso di formazione di eccellenza con l’intento di trasferire al territorio una conoscenza tecnico specialistica che possa favorire il migliore utilizzo delle risorse per la ripresa economica. L’Università degli Studi di Macerata ha una consolidata tradizione di studi in campo giuridico, economico e sociale ed è specializzato nella formazione e nell’aggiornamento continuo di professionisti e manager con competenze necessarie allo sviluppo territoriale sostenibile.

Check Also

Nuovo ponte a Piediripa, firmato l’accordo di programma

E’ stato sottoscritto questa mattina dalla Provincia e dai Comuni di Macerata e Corridonia l’accordo …