Ron ospite stasera de La Controra con il tour celebrativo di 50 anni di musica

Continuano a ritmo serrato gli appuntamenti aperti al pubblico nel centro storico di Macerata di arte cultura e grande musica de La Controra, nella bollente settimana del Festival Musicultura. concerti, recital, incontri, dibattiti, reading – tutti ad ingresso libero – che si propongono di incuriosire ed intrigare una platea di appassionati folta ed eterogenea con la formula base di associare il divertimento al piacere dell’approfondimento. Tra gli appuntamenti più attesi della settimana, stasera alle 21,15 in Piazza delle Libertà Ron in concerto con “Non abbiam bisogno di parole” il tour celebrativo dei 50 anni di musica del grande cantautore italiano tra i membri del Comitato artistico di Garanzia di Musicultura.
Per l’occasione Ron sarà accompagnato dalla Ensemble Symphony Orchestra tra le più più note nel nostro Paese, diretta dal Maestro Giacomo Loprieno e che vedrà al pianoforte Giuseppe Tassoni.
In programma i suoi classici intramontabili ma anche le celebri hit che l’artista scrisse per molti colleghi , da “Joe Temerario” a “Vorrei incontrarti fra cent’anni”, da “Anima” a “E l’Italia che va”, da “Chissà se lo sai” fino alla celeberrima “Una città per cantare”, passando per “Non abbiam bisogno di parole”, “Al centro della musica”, “Attenti al lupo”, “Piazza Grande”, “Cosa sarà” e naturalmente le sue canzoni più recenti: “Più di quanto ti ho amato ”e “Sono un figlio” che faranno parte del nuovo attesissimo album di inediti che vedrà la luce in autunno.
Quella di Ron è una delle carriere più importanti del panorama italiano, con un repertorio ricchissimo e tra i più belli della nostra musica cantautorale. Artista raffinato e sensibile, con il suo talento ed intuizioni compositive, ha firmato molti capolavori e tanti successi, anche per grandi artisti, rimasti impressi nella memoria collettiva. Oltre ad aver vinto un Festival di Sanremo, nel 1996 con “Vorrei incontrarti fra cent’anni” , in coppia con Tosca e un Festivalbar nel 1982 con “Anima”, Ron ha svolto un ruolo di primo piano nei più grandi eventi della musica in Italia, solo per citarne due, il tour di “Banana Republic” con Dalla e De Gregori nel 1979 e il “Fab Four Tour” con De Gregori, Pino Daniele e Fiorella Mannoia, nel 2002.
Gli appuntamenti de La Controra di domani 21 giugno avranno inizio alle ore 18 nella Sala Castiglioni della Biblioteca comunale con l’incontro con lo scrittore autore e condutture di programmi televisivi Roberto Piumini dal titolo “ Il piegatore di lenzuoli, quando musica e poesia si corteggiano” con Nadio Marenco (fisarmonica) ed Ennio Cavalli.
Roberto Piumini ha pubblicato numerose opere per bambini, ragazzi e adulti tra cui fiabe, storie, racconti, romanzi, poesie, poemi, testi di canzoni, testi teatrali, traduzioni di prosa e poesia e sceneggiature. Molti suoi libri sono stati tradotti all’estero. Ha scritto testi poetici e teatrali su materiali di memoria, esperienza, espressione figurativa, ritratti, immagini fotografiche. Autore di testi poetici su opere pittoriche, grafiche, città e località è anche autore e conduttore di programmi televisivi e radiofonici.
Alle ore 18,45 nel Cortile del Palazzo Buonaccorsi l’appuntamento è con Michele D’Andrea, dopo avere stregato l’anno scorso il pubblico dello Sferisterio col suo racconto de “Il Canto degli italiani” Miche D’Andrea ritorna a Musicultura con un incontro dal titolo “Scheletri nell’armadio – Fatti e misfatti degli inni degli altri, con un’aggiunta sul “Canto degli Italiani”. Dopo un passato nella dirigenza del Quirinale, Michele D’Andrea si occupa di storia, di araldica, di cerimoniale e di musica del Risorgimento. Ha fatto parte di varie commissioni, scrive e pubblica sui temi d’interesse , tiene conferenze in giro per l’Italia ed è ospite di trasmissioni televisive oltre a presentare concerti bandistici.
Tra gli altri ospiti attesi nei tanti appuntamenti de La Controra che si terranno ogni giorno fino a sabato 25 giugno ricordiamo: Camillo Ricordi, Gino Paoli, la “mamma” di Geronimo Stilton” Elisabetta Dami, Marianna Aprile, Ennio Cavalli, Massimiliano Civica, Guido Harari, Manuel Agnelli, Ditonellapiaga e il trio Violons Barbares.
Le due serate finali di grande spettacolo di Musicultura si terranno allo Sferisterio il 24 e il 25 giugno in diretta su Rai Radio 1e saranno condotte da Enrico Ruggeri e Veronica Maya.
Venerdì 24 giugno si esibiranno Angelo Branduardi i Litfiba, Ditonellapiaga, DakhaBrakha, Violons Barbares con gli otto artisti vincitori del concorso.
Sabato 25 giugno finalissima del celebre concorso saliranno sul palco del Festival Manuel Agnelli, Silvana Estrada, Gianluca Grignani, Ilaria Pilar Patassini, e l’unica apparizione in Italia dell’artista irlandese Emiliana Torrini & The Colorist Orchestra.

Check Also

Civitanova Danza inaugura la stagione estiva venerdì con la Scuola di Ballo del Teatro alla Scala

Si apre venerdì 1 luglio il sipario sulla ventinovesima edizione di Civitanova Danza, festival dedicato …