Si è spento per complicanze da Covid l’ingegner Guglielmo Cervigni. Il cordoglio della Diocesi di Macerata

Era ricoverato da due mesi al Torrette di Ancona dopo essere stato contagiato dal Covid. Ieri sera di è spento l’ingegner Guglielmo Cervigni. Aveva 45 anni
Di seguito la nota della Diocesi di Macerata:
La Diocesi di Macerata nella persona del Vescovo mons. Nazzareno Marconi, del Vicario Generale mons. Andrea Leonesi, del Segretario Generale don Gianluca Merlini sono particolarmente vicini a tutti i familiari dell’ingegner Guglielmo Cervigni nell’apprendere del suo ritorno alla Casa del Padre. L’ingegner Cervigni da tempo era infatti ufficialmente responsabile dell’ambito ingegneristico dell’ufficio sisma della Curia Vescovile. «Perdiamo un ottimo tecnico, un esempio di vita retta e cristallina, un amico e confidente, una splendida persona – comunica la Diocesi -, la nostra preghiera al Signore in modo particolare per la moglie Jenny e i figli. Un ricordo per tutti i familiari». In quanto parte dell’ufficio sisma la celebrazione delle esequie sarà presieduta dal Vescovo, domani, mercoledì 16 giugno, alle ore 16, presso la chiesa della Natività della Beata Vergine Maria di Passo di Treia.

Check Also

Cammini Lauretani a Recanati. Primo evento sulle tracce dei pellegrini

Vie del Pellegrino, l’esperienza dei Cammini Lauretani a Recanati. Parte proprio dalla città leopardiana il …