Ultime notizie
Home / News / Giovanni Lignini in visita a Camerino per la ripresa dei cantieri della ricostruzione
Giovanni Lignini in visita a Camerino per la ripresa dei cantieri della ricostruzione

Giovanni Lignini in visita a Camerino per la ripresa dei cantieri della ricostruzione

Il Commissario straordinario alla ricostruzione Giovanni Legnini lunedì a Camerino. Riparte con la visita del commissario nella città ducale la ripresa dell’attività dei cantieri dopo lo stop imposto a causa dell’emergenza Covid19. Il nuovo commissario alla ricostruzione che, anche in questo periodo è stato in costante contatto col sindaco Sandro Sborgia, ha accolto proprio l’invito del primo cittadino a Camerino dove arriverà lunedì mattina, intorno alle 10,30. Una visita che vuole essere il simbolo di una ripartenza, in quello che è il Comune con la zona rossa più estesa del cratere.
Non solo, naturalmente. “Una visita che reputo anche molto importante – spiega il sindaco Sandro Sborgia – perché sarà l’occasione per confrontarsi sulle esigenze e le necessità di un intero territorio colpito dal sisma 2016 nel quale la ricostruzione non è praticamente mai partita. Non possiamo più aspettare – continua Sborgia – Io credo in un’Italia che funziona, come è stato mostrato a Genova, in questi giorni, per la ricostruzione del Ponte Morandi, lo stesso deve accadere qui e nelle zone colpite dal sisma. Non si può più rimandare: servono decisioni concrete e una forte inversione di marcia. Da Camerino riparta la ricostruzione”. Dopo una visita nel centro storico della città per verificare lo stato delle messe in sicurezza, il sindaco Sandro Sborgia, insieme al commissario Giovanni Legnini si sposterà al mattatoio, anch’esso danneggiato dal sisma, dove nei mesi scorsi è partito il cantiere e sono iniziati i lavori di ristrutturazione. “Era stato già finanziato il suo recupero nel 2017 – spiega il primo cittadino – finalmente siamo riusciti a sbloccare la pratica e avviare l’opera di recupero che diventa fondamentale per i nostri allevatori che in questi oltre tre anni si sono visti costretti ad andare lontano da qui per la macellazione del bestiame”.