Ultime notizie
Home / News / La Fondazione Padre Matteo Ricci dona 22 mila mascherine a Macerata. Distribuzione alle persone fragili
La Fondazione Padre Matteo Ricci dona 22 mila mascherine a Macerata. Distribuzione alle persone fragili

La Fondazione Padre Matteo Ricci dona 22 mila mascherine a Macerata. Distribuzione alle persone fragili

“Quando tutto procede tranquillamente e non ci sono contrarietà, è difficile distinguere i veri dai falsi amici; ma quando le avversità sopraggiungono, si dimostra l’amicizia. Infatti, nel momento dell’urgenza i veri amici si avvicinano sempre più, mentre i falsi si allontanano sempre più.” (Padre Matteo Ricci). Macerata ha trovato amici veri in questo momento di grande difficoltà, ricevendo da Istituzioni, associazioni, semplici cittadini cinesi circa 30.000 mascherine.
Oggi diciamo grazie alla Fondazione Internazionale Padre Matteo Ricci nella persona del Presidente Dario Grandoni e al generoso impegno di Padre Giovanni Battista Sun, Presidente del centro “Li Madou”, per aver coordinato la significativa donazione di 22.000 mascherine direttamente dalla municipalità di Xuhui (Shanghai) quale atto concreto e prezioso di sincera vicinanza. Questa quantità di mascherine si va a sommare  a quelle precedentemente ricevute dalla città amica Taicang, dai dottorandi del Prf. Filippo Mignini e dell’Istituto Confucio che qui a Macerata hanno vissuto e studiato, all’associazione “Vento di Levante” di Huang Ping che pure vive e lavora a Macerata, dalla Chiesa Cristiana Evangelica Cinese in Italia di Morrovalle.
“Nell’esprimere ancora la gratitudine personale e quella della Città – afferma il sindaco Romano Carancini – spero che nel “dopo” di questo difficile momento potremo ritrovarci insieme e fare festa. Ora l’Amministrazione Comunale ha il compito di far arrivare la generosità degli amici cinesi alle persone della Città e si è ispirata dal concetto di “fragilità” nella scelta del criterio di distribuzione”
Le 30.000 mascherine a disposizione, quindi, andranno nelle case delle persone più fragili nel modo che segue: due a ogni cittadino over 65, due a ogni giovanissimo di  età compresa tra i 5 e i 14 anni, due a ogni persona seguita dai nostri Servizi Sociali.