Moda marchigiana, il grido d’allarme di Doriana Marini (Cna): “Riaprire entro il 20 aprile”

Uno tsunami sulla moda marchigiana. La crisi causata dal Coronavirus rischia di travolgere un settore che nella nostra regione è forte di 5.715 imprese che occupano 40 mila addetti. Quasi un’impresa manifatturiera su tre lavora nei settori del tessile, abbigliamento e calzature, per un fatturato superiore ai 5 miliardi di euro. Fatturato che, per quasi il 70 per cento proviene dalle esportazioni e che rischia un crollo verticale se la produzione non ripartirà. In gioco, secondo Doriana Marini presidente Federmoda Cna Marche, ci sono le prossime collezioni autunno inverno 2020 – 2021 e primavera estate 2021. “La moda è un’industria stagionale” afferma Doriana Marini  “che riparte ogni sei mesi con nuove collezioni, che vanno presentate, vendute e consegnate. Se non riapriremo le nostre aziende entro il 20 aprile non avremo i tempi tecnici per consegnare le produzioni autunno inverno che vanno inviate entro luglio in tutto il mondo.

Check Also

Ipotesi vaccinazioni nelle sedi delle aziende marchigiane. Il governatore Acquaroli incontra le categorie economiche

La Giunta regionale delle Marche intende estendere, su base volontaria, la possibilità di partecipare al …