Ultime notizie
Home / Taccuino / Asta online a favore della Croce Rossa di Macerata. Gli artisti marchigiani offrono le loro opere
Asta online a favore della Croce Rossa di Macerata. Gli artisti marchigiani offrono le loro opere

Asta online a favore della Croce Rossa di Macerata. Gli artisti marchigiani offrono le loro opere

Artisti uniti contro il Covid-19 e in favore delle attività della Croce Rossa di Macerata. Ha inizio oggi, giovedì 16 aprile, dalle ore 12, l’iniziativa che vede coinvolti in un’asta online numerosi protagonisti del mondo culturale regionale e non solo. “Don’t cry, but CRI! Artisti contro il Coronavirus” è il nome scelto per diversi appuntamenti giornalieri all’interno dei quali, per una settimana, sarà possibile inviare la propria offerta via mail, indicando una quota minima e una massima, per aggiudicarsi una o più delle opere bandite. Il titolo è anche un gioco di parole che invita tutti a non abbattersi e chiudersi in se stessi in questo momento di grave emergenza, facendo ognuno la propria parte supportando gli uomini e le donne della Croce Rossa di Macerata che operano in prima linea contro il virus.
L’idea nasce dalla collaborazione e dall’amicizia tra l’artista Silvio Craia, il critico d’arte David Miliozzi e il giornalista Andrea Mozzoni. Craia, insieme alla moglie Luciana, già presidente ora membro del Centro italiano femminile di Macerata, ha subito coinvolto molteplici personalità che hanno dato la propria disponibilità a offrire gratuitamente una delle loro opere per l’asta. Miliozzi e Mozzoni si occuperanno dell’organizzazione e della promozione dell’asta online.
«Prima che artisti abbiamo a che fare con uomini e donne che donando una loro opera vogliono dare un segnale di vicinanza alla comunità ferita da questa pandemia – afferma Miliozzi -, lo facciamo attraverso la Croce Rossa, sempre in prima linea in questa emergenza e un piccolo gesto, che vuole esprimere una grande vicinanza. Nulla sarà come prima, anche il fare arte e la sua fruizione subiranno cambiamenti epocali, inimmaginabili, ma il bisogno d’arte resta, forse si rafforza. Dai graffiti rupestri del paleolitico all’emergenza del Covid-19 – ha aggiunto -, l’arte è ancora lo strumento privilegiato per comprendere il mondo in cui viviamo, il luogo espressivo in cui riscoprire la nostra umanità».
Sarà possibile partecipare all’asta consultando le opere messe in mostra, cinque al giorno con una durata di sette giorni, all’interno della pagina Facebook “Artisti contro il Coronavirus”. «Il prezzo base d’asta sarà di 50 euro – spiega Mozzoni -, le intenzioni di offerta insieme ai propri dati personali dovranno pervenire via mail all’indirizzo artisticontroilcoronavirus@gmail.com. Una volta conclusa l’asta, l’importo dovrà essere versato direttamente sul conto corrente della Croce Rossa di Macerata. Inviandoci la ricevuta di pagamento, si avrà diritto a ritirare l’opera aggiudicatasi al termine delle restrizioni sociali previste dall’emergenza».
In attesa che inizia l’asta è comunque possibile sostenere le attività della Croce Rossa di Macerata attraverso il IT80M0311113401000000021630. «”Non c’è bisogno che un artista sia un prete o un fabbriciere, ma certo egli deve avere un cuore affettuoso per gli altri uomini”. Questa frase di Van Gogh – sostiene la Presidente della Cri di Macerata Rosaria Del Balzo Ruiti – racchiude tutto lo spirito di questa meravigliosa iniziativa che permetterà di raccogliere fondi destinati a supporto delle molteplici attività del Comitato in questo periodo di così grave sofferenza fisica e psicologica per la popolazione. I fondi raccolti permetteranno di implementare i servizi di assistenza alla persona e di aiuto alle fasce deboli maggiormente colpite da questa emergenza oltre che permettere acquisti di materiale sanitario per i numerosi interventi che sin dai primi giorni di marzo il Comitato sta svolgendo. Ancora una volta il mondo artistico ha espresso quella sensibilità che lo contraddistingue costantemente. Un grazie enorme – conclude la Presidente – a tutti coloro persone che acquisteranno queste stupende opere: vedendole in casa, oltre alla meraviglia per l’opera in sé, i donatori potranno avere la certezza di aver dato un imprescindibile contributo a tante persone che soffrono».

Questi gli artisti che per ora hanno aderito all’iniziativa, ma si tratta di una lista che si amplia ogni giorno: Tiziana Asili, Cagliostro, Marisa Cesanelli, Gabriella Cesca, Moreno Corallini, Silvio Craia, Matteo D’Errico, Egidio Del Bianco, Lucio Del Gobbo, Carlo Iacomucci, Simone Dionisi, Pina Fiori, Pierfrancesco Mastroberti, William Medori, Mario Migliorelli, Mario Monachesi, Janna Sarenko, Salvatore Sebaste, Leonardo Serafini, Daniela Ripani, Isabella Seralio, Lucia Spagnuolo, Sandra Torquati, Manuel e Valerio Valeri, Luca Zampetti.