Ultime notizie
Home / In Diocesi / Mons. Marconi: “Le campane suoneranno a mezzogiorno per ricordarci di pregare e invocare la protezione di Dio”
Mons. Marconi: “Le campane suoneranno a mezzogiorno per ricordarci di pregare e invocare la protezione di Dio”

Mons. Marconi: “Le campane suoneranno a mezzogiorno per ricordarci di pregare e invocare la protezione di Dio”

Dal mezzogiorno di oggi, dove possibile, la preghiera sarà accompagnata dal suono delle campane. E’ l’invito fatto dal vescovo di Macerata, mons. Nazzareno Marconi, ai sacerdoti della diocesi, nel corso della Santa Messa officiata alle 7,30 del mattino nella Chiesa della Madonna della Salute a Macerata (e trasmessa in diretta dalla nostra radio e da Emme Tv ogni mattina).
«In questi giorni sentite ripetere il motto “Io sto a casa”e anche il Vescovo sta a casa, per dare l’esempio di un comportamento attento per non mettere in difficoltà nessuno. Stare a casa però non impedisce di riflettere, di pregare e di stare vicini agli altri con gli strumenti che abbiamo a disposizione». Nel messaggio si invita a cogliere segnali di speranza legati al fatto che «molte persone stanno comprendendo la necessità di avere attenzione» e anche i parroci «stanno cercando di essere vicini attraverso una telefonata e i nuovi mezzi di comunicazione». Quello che è più importante però per il Vescovo è «avere le persone nel cuore»: «Questo ve lo posso assicurare – ha affermato -, vi tengo nel cuore tutti e vi presento nella mia preghiera al Signore per intercessione di Maria Santissima».
“Da mezzogiorno di domani, 12 marzo, dove possibile, la preghiera sarà accompagnata dal suono delle campane.
Non conta tanto quello che facciamo ma che lo facciamo con il cuore – ha concluso Marconi -, e allora il nostro appuntamento è a mezzogiorno. Dove sarà possibile sentirete suonare la campane: ci ricordano che in quel momento tutti stiamo invocando l’aiuto di Dio e la sua protezione. In particolare ci ricordano che stiamo chiedendo l’aiuto della Vergine Santa che ogni mattina invochiamo nel suo Santuario con il bel titolo di Madonna della Salute, affinché ci doni la salute dell’anima e del corpo».