Ultime notizie
Home / Taccuino / Due trasferte per la compagnia Valenti di Treia. Apprezzamento del pubblico anche fuori regione
Due trasferte per la compagnia Valenti di Treia. Apprezzamento del pubblico anche fuori regione

Due trasferte per la compagnia Valenti di Treia. Apprezzamento del pubblico anche fuori regione

Due uscite molto apprezzate dal pubblico su due palcoscenici già calpestati dalla compagnia Valenti che, terminata la quinta rassegna IL GUSTO DEL TEATRO, è tornata a dedicarsi alla sua commedia Rengrazziènno Ddio!, opera in due tempi di Fabio Macedoni per la regia di Francesco Facciolli. La prima, il 21 febbraio, alla rassegna “Stefano Fait” di Laives (BZ) che segna un ritorno in Trentino della compagnia treiese, già nel 2015 selezionata con la commedia Basta che voti. La nuova commedia è stata molto apprezzata dal pubblico presente (oltre duecento abbonati) che ha tributato moltissimi applausi ed espresso notevoli apprezzamenti per il testo, la recitazione ed i costumi. Poi, al termine, come da tradizione, tutti a cena nella sede sociale della Filodrammatica di Laives, che organizza ormai da 40 anni la rassegna, ospiti dei componenti la locale compagnia, in un clima sempre molto cordiale ed amichevole; una sorta di festa, ogni volta; una specie di sodalizio che si mantiene vivo nel tempo.
Domenica 23 esibizione ad Agugliano, nella rassegna d’inverno organizzata dalla locale Associazione La Guglia. Pure in questo caso si è rattato di un ritorno, il terzo per l’esattezza. Agugliano è una piazza che ha sempre portato bene alla compagnia Valenti, ma soprattutto è una città che ha sempre manifestato grande apprezzamento per i lavori della compagine treiese. L’organizzazione conosce bene il regista Francesco Facciolli, la curatrice dei costumi Scilla Sticchi e l’autore Fabio Macedoni che ha, finora, presentato ben tre lavori alle varie kermesse aguglianesi.
Molto calorosa l’accoglienza del pubblico, molto numeroso nonostante la domenica di carnevale, e molto apprezzata anche la storia narrata che, come è noto, parla della vita di campagna al tempo in cui, nelle campagne, ogni casa era una piccola o grande fattoria.
“Abbiamo motivo di essere molto soddisfatti – commenta il presidente della Compagnia Fabio Macedoni – perché nonostante una logistica molto impegnativa, siamo riusciti a far bene e a rendere egregiamente sul palco. Ora si profilano altri impegni, nel mese di marzo; impegni che, però, sono sotto la mannaia del coronavirus, fra rinvii e possibili annullamenti. Domenica primo marzo è stato annullato già al Lanzi di Corridonia, con impegno di recuperarlo; venerdì 6 a Comunanza e venerdì 13 a Cupra Marittima potrebbero essere possibili; sabato 21 al Feronia di San Severino Marche è tutto da verificare; l’augurio è che si possa normalizzare velocemente una situazione che, al momento, genera solo negatività”.
In attesa dunque di decisioni superiori in merito, non resta che godersi la bontà delle rappresentazioni fatte, con la consapevolezza di aver regalato due ore di allegria a tutti coloro che hanno assistito allo spettacolo.