Ultime notizie
Home / In Diocesi / Le celebrazioni eucaristiche non sono sospese. Il vescovo Marconi torna sull’applicazione dell’ordinanza regionale sull’emergenza Coronavirus
Le celebrazioni eucaristiche non sono sospese. Il vescovo Marconi torna sull’applicazione dell’ordinanza regionale sull’emergenza Coronavirus

Le celebrazioni eucaristiche non sono sospese. Il vescovo Marconi torna sull’applicazione dell’ordinanza regionale sull’emergenza Coronavirus

Nuova comunicazione della diocesi di Macerata riguardo all’applicazione dell’ordinanza regionale sull’emergenza Coronavirus e alla sua applicazione nelle chiese.
Dove le Celebrazioni Eucaristiche si svolgono in chiese ampie o il numero dei fedeli è solitamente ridotto, non si sospendano le celebrazioni eucaristiche, in maniera simile al caso permesso nel documento dei Vescovi di “celebrazioni private”. Si raccomanda alle persone più a rischio: anziani, ammalati, persone con sintomi influenzali, di pregare restando a casa propria. Si abbia cura che la Celebrazione Eucaristica si svolga in forma sobria e decorosa, ma snella. Con una breve omelia, senza lo scambio del segno della pace, e distribuendo la comunione esclusivamente in mano. Il catechismo, gli incontri formativi o di preghiera con il concorso di molte persone, gli eventi straordinari vengano invece sospesi almeno fino alla scadenza dell’Ordinanza.
In ogni caso è bene che anche privatamente i sacerdoti celebrino ogni giorno l’Eucarestia, per pregare per i vivi e per i defunti. In particolare raccomando che ci si rivolga alla intercessione di Maria Santissima la Madonna della Salute ed anche a quella di Padre Matteo Ricci.
Si può usare e raccomandare a tutti la seguente intenzione di preghiera:
“Signore, per intercessione di Maria Santissima la Madonna della Salute e quella di Padre Matteo Ricci uomo di scienza e di fede, sostieni gli uomini di scienza nel loro sforzo di curare e proteggere l’umanità dal Coronavirus, a partire dall’amato popolo Cinese, e soprattutto donaci Tu o Signore e Dio nostro la salute dell’anima e del corpo”.