Ultime notizie
Home / Sport / Auto d’epoca, a Treia arriva la “240 minuti sotto le stelle”
Auto d’epoca, a Treia arriva la “240 minuti sotto le stelle”

Auto d’epoca, a Treia arriva la “240 minuti sotto le stelle”

Sarà la suggestiva cittadina di Treia ad ospitare la concentrazione dell’evento ASI “240 minuti sotto le stelle”, apprezzato appuntamento di abilità per auto d’epoca che apre la stagione, alle prese con i cronometri e le fredde temperature di questo periodo. Dalle ore 14,30 alle ore 16 di sabato 1° febbraio sono previste le operazione preliminari in Piazza della Repubblica per gli equipaggi partecipanti, attesi da tutto il centro Italia, con molti specialisti del cronometro. Il saluto del sindaco precederà il briefing e la cerimonia di partenza che vedrà il primo concorrente al via alle ore 16,46.
Le decine di equipaggi dovranno coprire un percorso di circa 120 km, quasi tutto in notturna, lungo il quale si effettueranno 51 tratti di prove di abilità a cronometro suddivisi in sei sezioni. Con le loro auto d’epoca da Treia si dirigeranno verso Chiesanuova di Treia, Grottaccia di Cingoli, Mummuiola, Cingoli (dov’è prevista la sosta di metà percorso alle ore 18 circa), poi di nuovo verso Mummuiola, Castreccioni, Moscosi, San Severino Marche, Chiesanuova di Treia, per raggiungere poi il traguardo a Berta di San Severino Marche, con il primo equipaggio atteso per le ore 21,30. Presso il Ristorante Villa Berta ci sarà la cena di fine manifestazione con le rituali premiazioni. Verranno premiati i migliori della classifica assoluta, della femminile e dei conducenti “Young”.
I vincitori delle ultime edizioni sono stati nel 2017 il settempedano Gianpaolo Paciaroni (A112 del 1974), nel 2018 l’umbro Marco Gaggioli (A112 del 1972) e lo scorso anno l’abruzzese Mauro Giansante (Innocenti Mini Cooper Export del 1975), tre esperti della regolarità per auto d’epoca, che vedremo al via anche in questa 14^ edizione, curata nel migliore dei modi dal collaudato staff del CAEM/Scarfiotti e dei responsabili dell’evento Antonio Brachetta e Giovannino Ghizzone.