Ultime notizie
Home / News / Il prefetto di Macerata incontra i titolari delle autoscuole: “Formazione più incisiva sulle norme del codice della strada”
Il prefetto di Macerata incontra i titolari delle autoscuole: “Formazione più incisiva sulle norme del codice della strada”

Il prefetto di Macerata incontra i titolari delle autoscuole: “Formazione più incisiva sulle norme del codice della strada”

Il prefetto di Macerata, Iolanda Rolli, ha incontrato oggi il dirigente della Motorizzazione civile di Macerata, Umberto Calore ed i referenti delle autoscuole della provincia di Macerata, Enrico Lanciani, Lorenzo Storani, Roberto Concetti, Renzo Pupilli, Paolo Meschini, alla presenza anche del medico sup.re della polizia di Stato, Fabio Frascarelli Gervasi.
Il Prefetto ha ringraziato tutti i presenti per la disponibilità a partecipare ad un incontro mirato a promuovere una formazione più incisiva e completa sulle norme del codice della strada, in particolare verso quelle che mirano alla prevenzione ed alla sicurezza della circolazione stradale ed a fornire il loro fattivo contributo. Nel corso dell’incontro il prefetto ha fatto riferimento alle maggiori cause dell’incidentalità stradale tra le quali figura la distrazione e l’alterazione delle condizioni fisiche e psichiche provocata frequentemente da assunzione di alcolici e da uso di sostanze stupefacenti.
E’ stato richiamato il principio della responsabilità di tutte le istituzioni che sono coinvolte nelle attività a garanzia della sicurezza stradale, evidenziando, in particolare l’esigenza della corretta informazione dei conducenti non solo sulla parte teorica del codice della strada ma anche sulle conseguenze giuridiche e sanitarie dei controlli delle forze di polizia, in caso di esiti positivi dei test di rito per la rilevazione di guida in stato di alterazioni psicofisiche, provocate da alcol e stupefacenti, nonché sul ritiro del titolo di guida.
In tema di profili più strettamente scientifici il dott. Frascarelli ha espressamente sottolineato come anche il consumo occasionale di sostanze stupefacenti ritenute “leggere” o “innocue” comporti effetti psicofisici e dunque, anche, un’alterazione delle condizioni necessarie per la guida in sicurezza.
L’incontro si è concluso con l’impegno dei referenti delle autoscuole di assumere iniziative formative di maggiore specificità in tema di sicurezza e prevenzione .