Ultime notizie
Home / News / Unimc, 729 anni di storia. Inaugurato l’anno accademico 2018/2019 all’insegna dell’internazionalizzazione
Unimc, 729 anni di storia. Inaugurato l’anno accademico 2018/2019 all’insegna dell’internazionalizzazione

Unimc, 729 anni di storia. Inaugurato l’anno accademico 2018/2019 all’insegna dell’internazionalizzazione

“Le università devono andare oltre i loro schemi, i loro paradigmi classici, le loro categorie tradizionali. Oltre il noto e il vissuto. Oltre gli stessi confini fisici”. L’Università di Macerata, come è evidente nelle parole del rettore Francesco Adornato, guarda al futuro con la volontà di aprire nuovi orizzonti nel rispetto del trinomio “Università, culture e dialogo”, tema al centro della cerimonia di inaugurazione dell’anno accademico 2018/2019.
Nel 729esimo anniversario dalla nascita dell’ateneo maceratese, il Teatro Lauro Rossi ha accolto stamane il corteo degli accademici composto dal rettore, dai docenti, dai rappresentanti del personale tecnico amministrativo e degli studenti, dai rettori degli altri atenei marchigiani, dal direttore generale e dalle delegazioni internazionali, preceduti dal gruppo Vox Ulmi della Rievocazione Storica La Margutta di Corridonia. Prima della cerimonia, il Vescovo di Macerata Mons. Nazzareno Marconi ha presieduto la celebrazione della Santa Messa per la comunità universitaria nella chiesa dell’Immacolata in Corso Cavour, ricordando le parole pronunciate da Papa Francesco nell’incontro con gli studenti e il mondo accademico svoltosi lo scorso 1° ottobre 2017 a Bologna.
I saluti sono stati affidati ad Elisabetta Baldassini (rappresentante degli studenti), Antonella Tiberi (rappresentante del personale tecnico amministrativo) e Giuseppina Larocca (rappresentante del personale docente).
Sul fronte internazionalizzazione, la situazione di Unimc – a sentire il Direttore Generale Mauro Giustozzi – è confortante: “nel 2018 il numero degli studenti internazionali (con cittadinanza estera) complessivamente iscritti ai corsi di laurea erano 434 (pari a circa il 4% del totale iscritti) con provenienza da 60 Paesi di 4 continenti. Ad essi si aggiunge il crescente numero di studenti in mobilità sia in entrata che in uscita (Erasmus, Traineeship ed ExtraUe) che nell’anno accademico 2017-18 sono risultati essere complessivamente oltre 600”. Focalizzando l’attenzione sugli investimenti, Giustozzi ha ricordato nel suo intervento i lavori completati per i recuperi dell’Orto dei Pensatori e della Biblioteca giuridica centrale. Sono tutt’ora in corso gli interventi di restauro di Villa Lauri, mentre proseguono gli iter progettuali per la realizzazione di nuovi impianti sportivi nell’area del Campus Limadou e per l’ampiamento del Polo Bertelli di Vallebona. Nel frattempo, c’è grande attesa per la prossima realizzazione della nuova fermata “Macerata-Università” della linea ferroviaria Civitanova-Fabriano.
Forte il legame tra Macerata e il suo ateneo, come ricordato dal rettore: “l’Università di Macerata è uno dei protagonisti principali, se non il principale, delle dinamiche economiche, sociali, culturali urbanistiche. L’Università riverbera prestigio sulla città per la sua tradizione, per il blasone scientifico e per il ranking internazionale, nel quale ultimo abbiamo fatto ingresso”.
Una storia, quella di Unimc, che si lega indissolubilmente alla più ampia evoluzione delle Università europee, quadro tracciato dal Professore Emerito Alma Mater Studiorum / Università degli studi di Bologna, Gian Paolo Brizzi, nella sua prolusione. Grazie alle Università – ha riferito il Professor Brizzi – “il sapere divenne sistema organizzato e coeso di conoscenza razionale, utilizzabile per gli uomini e soprattutto, comunicabile agli uomini”, sapere oggi diffuso su scala globale grazie alla nascita nel dopoguerra di “organismi internazionali e forme di collaborazione volte ad abbattere quegli steccati che avevano fatto pagare prezzi di sangue altissimi ai Paesi europei”.
Al termine dell’evento, i docenti Donatella Bisconti (Università di Clermon Auvergne), Valbonia Duri (Università di Gjirokaster), Marie-Christine Cauchy-Psaume (Faculté Libre de Droit, d’économie et de Gestion – FACO), Jerzy Boehlike (Università di Torun Niccolò Copernico), Henry Sardaryan (Moscow State Institute of International Relations – MGIMO), Zhou Zuoyu (Università Normale di Pechino), Catherine Deffains-Crapsky (Università di Angers), Mariàn Gonzàles Rua (Università di Oviedo) e Pierre Serrand (Università di Orléans) hanno apposto la loro firma ad una pergamena, una sorta di pre-impegno alla futura “Carta di Macerata”, documento in grado di tenere viva la fiamma del rapporto tra università, culture e dialogo.

Marco Morosini

56823377_3238308229528297_576411540568145920_n 57203924_3238308292861624_7656043182399946752_n 56965464_3238308406194946_3411503140371955712_n 56453071_3238308579528262_9043445239666180096_n 56781098_3238308666194920_1972182689502986240_n 57104257_3238308876194899_289700706665889792_n 57216696_3238308939528226_4844407034654752768_n 56821241_3238309039528216_1911141819723284480_n 56962025_3238455312846922_9101930247422476288_o 56811260_3238455916180195_2014030694761627648_o 56697131_3238456446180142_5043446715483422720_o 57403799_3238456779513442_2661985129076883456_o 56757489_3238457156180071_3643928031489163264_o 57045388_3238457872846666_5572379776301137920_o 56744591_3238458182846635_7883535909168087040_o 56842748_3238458752846578_2082870576610803712_o