Ultime notizie
Home / News / Lavori avanzati per le nuove scuole Mestica e Alighieri a Macerata. Cantiere in piena attività
Lavori avanzati per le nuove scuole Mestica e Alighieri a Macerata. Cantiere in piena attività

Lavori avanzati per le nuove scuole Mestica e Alighieri a Macerata. Cantiere in piena attività

Il cantiere va avanti. La scuola Mestica in particolare, ma anche la Dante Alighieri dovrebbero essere completate per il prossimo mese di giugno. Poi però dovrà essere messa a punto l’allestimento interno, gli arredi, l’urbanizzazione, il collaudo. Insomma, l’obiettivo è che queste due scuole possano essere operative dal prossimo anno scolastico, se così non fosse, si potrebbe inaugurarle per Natale. Questa mattina il sindaco Romano Carancini, l’assessore all’edilizia scolastica Paola Casoni, accompagnati dal dirigente del Servizi tecnici comunali Tristano Luchetti, Andrea Fornarelli, responsabile unico del procedimento, e dal funzionario Giorgio Gregori, hanno effettuato una visita guidata ai cantieri insieme ai giornalisti per mostrare a che punto sono i lavori del nuovo polo scolastico nell’area delle ex Casermette. Un’occasione per mostrare che l’opera sta andando avanti, in base
ai tempi contrattuali, per la consegna ci sono 150 giorni con una proroga di 30, anche se in un cantiere si possono creare problemi problemi che allungano i tempi. Peraltro la responsabilità dell’andamento dei lavori non è dell’Amministrazione comunale ma dell’Ufficio Speciale Ricostruzione.
Il nuovo polo scolastico, per un investimento che supera i 16 milioni di euro e che accoglierà oltre 1.000 studenti, sta prendendo forma. Per quanto riguarda la Mestica sono state realizzate le fondamenta, il piano suolo e innalzate le colonne in legno lamellare. Per la Alighieri i lavori sono leggermente indietro rispetto alla Mestica anche perché sono iniziati più tardi, ma la ditta conta di recuperare e allinearli. Il campus, che si estende su un lotto di 24.000 mq per una volumetria totale di 60.324 mc, comprenderà i due edifici scolatici, ognuno con una propria palestra, collegati tra loro da un tunnel e una terza struttura sportiva, di media dimensione, che verrà aperta anche alla città e per la quale mancano ancora dei fondi. Le due scuole avranno forme squadrate, semplici, costruite con edilizia a secco, con materiali innovativi, in legno, acciaio e vetro, dipinte con i colori della terra e con standard di sicurezza assoluti così come altissimi saranno quelli dell’efficienza energetica.
Il nuovo polo scolastico prevede anche una piazza, spazi per i parcheggi ai lati del campus mentre al suo interno è prevista una strada, completamente pedonale, che costeggerà i due edifici scolatici in modo che gli studenti potranno muoversi in tutta sicurezza.