Home / Taccuino / Lorenzo Lotto affascina i visitatori a Palazzo Buonaccorsi e nei luoghi lotteschi del territorio
Lorenzo Lotto affascina i visitatori a Palazzo Buonaccorsi e nei luoghi lotteschi del territorio

Lorenzo Lotto affascina i visitatori a Palazzo Buonaccorsi e nei luoghi lotteschi del territorio

Gli amanti dell’arte e della gita fuori porta possono passare un fine settimana all’insegna di Lorenzo Lotto. La mostra allestita a Macerata, a Palazzo Buonaccorsi, sulle opere che l’artista veneto ha creato per il territorio e poi disperse nel mondo o quelle che, per storia e realizzazione, hanno avuto forti legami con le Marche, è aperta tutti i giorni (ad eccezione del lunedì) dalle 10 alle 18.
Lorenzo Lotto. Il richiamo delle Marche è promossa dalla Regione Marche con il Comune di Macerata e curata da Enrico Maria Dal Pozzolo che, proprio lunedì scorso ha tagliato il nastro della sua nuova mostra, sempre sul pittore veneziano, allestita alla National Gallery di Londra, in stretto dialogo con quella di Macerata.
L’esposizione maceratese rappresenta l’occasione per ammirare oltre 20 dipinti autografi di Lotto e 5 disegni di sua mano, e alcuni inediti materiali documentari sull’attività dell’artista. Si completa necessariamente nel territorio marchigiano, collegandosi con i lavori lotteschi disseminati nei diversi centri e volutamente lasciati nei siti di appartenenza: Ancona, Monte San Giusto, Jesi, Mogliano, Cingoli, Recanati, Urbino e Loreto. Questi capolavori compongono una sorta di mostra diffusa da vivere insieme alle bellezze artistiche e naturali della regione: le Marche sono una regione che non ha eguali in Italia per quantità e qualità di opere dell’artista.
Andando nel dettaglio della provincia di Macerata, a Cingoli la stupefacente Madonna del Rosario esposta provvisoriamente nella Sala degli Stemmi del Palazzo Comunale è visitabile tutti i giorni (lunedì – martedì – giovedì, 08:30 – 12:30 / 15:00 – 18:00; mercoledì – venerdì, 08:30 – 12:30; sabato, 08:30 – 12:30 / 16:30 – 18:30; domenica e festivi, 10:30 – 12:30 / 16:30 – 18:30); a Mogliano la pala dell’Assunta si trova al MASM-Museo Arte Sacra Mogliano (aperto martedì e mercoledì, 10:00 – 12:30; giovedì, 17:30 – 19:30; venerdì, 10:00 – 12:30/ 17:30 – 19:30, sabato 10:00 – 13:00 / 15:00 – 18:00); mentre a Monte San Giusto la Crocifissione è nella Chiesa di Santa Maria in Telusiano (o della Pietà), aperta tutti i giorni (08:00 – 12:30 / 15:00 – 19:00). A Recanati, il Polittico di San Domenico, la Trasfigurazione di Cristo, il San Giacomo Maggiore e l’Annunciazione sono conservate al Museo Civico-Villa Colloredo Mels di Recanati (orari, martedì – domenica: 10:00 – 13:00 / 15:00 – 18:00).
Ad Urbino, il San Rocco è custodito nella Galleria Nazionale delle Marche (aperta da martedì a domenica: dalle 8:30 alle 19:15, lunedì dalle 8:30 alle 14:00), ad Ancona ci sono la Sacra Conversazione, detta anche pala dell’Alabarda nella Pinacoteca Civica (martedì – venerdì: 16:00 – 19:00; sabato e domenica: 10:00 – 19:00) e la pala dell’Assunta nella Chiesa di San Francesco alle Scale (lunedì – domenica: 08:30 – 17:00); a Loreto Cristo e l’Adultera, San Michele caccia Lucifero, l’Adorazione del Bambino, il Sacrificio di Melchisedech, il Battesimo di Cristo, l’Adorazione dei Magi e la Presentazione di Gesù al tempio sono nel Museo Pontificio Santa Casa di Loreto (aperto tutti i giorni: 10:00 – 13:00 / 15:00 – 18:00), mentre il San Cristoforo con Bambino tra i santi Rocco e Sebastiano può essere ammirato nella basilica della Santa Casa, ove è stato ricollocato dopo un intervento conservativo a fine luglio del 2018. Quindi Jesi con la Deposizione, l’Angelo Annunciante e la Vergine Annunciata, la Madonna delle Rose e la famosa pala di Santa Lucia esposte a Palazzo Pianetti (martedì – domenica e festivi: 10:00 – 13:00 / 16:00 – 19:00).
Tutte le informazioni sono reperibili sul sito https://mostralottomarche.it.