Ultime notizie
Home / News / I “piccoli” Saharawi accolti in Consiglio comunale a Macerata. Emozioni e scambio di doni
I “piccoli” Saharawi accolti in Consiglio comunale a Macerata. Emozioni e scambio di doni

I “piccoli” Saharawi accolti in Consiglio comunale a Macerata. Emozioni e scambio di doni

E’ iniziato con l’accoglienza di un gruppo di bambini Saharawi il Consiglio comunale di oggi a Macerata. Momenti di vera emozione di fronte ai 10 bambini in rappresentanza dei 19 che per un mese soggiornano a Grottammare, nell’ambito di un progetto di accoglienza gestito dall’Associazione Rio De Oro Onlus. Sono bambini che necessitano di cure, alcuni sono stati operati, altri visitati in vista di ulteriori terapie. Ad accompagnarli la presidente dell’Associazione Regionale di Solidarietà con il Popolo Saharawi – Rio de Oro – Rossana Berini, dalla referente dell’associazione per la Provincia di Macerata Barbara Vittori e da volontari provenienti dalla Spagna (Eva e Maria, che studiano cooperazione internazionale, Gonzalo studia veterinaria, Mara studia medicina, Pilar studia per diventare infermiera e Coba studia per diventare fisioterapista). Il sindaco Romano Carancini ha datoil benvenuto al gruppo: “Con grande piacere ogni anno salutiamo i bambini del Saharawi” ha detto il primo cittadino “siamo da tanti anni solidali con questo popolo e disponibili a fare ancora di più verso la soluzione della loro causa”. Il Comune di Macerata ha sottoscritto nel 2001 un patto di amicizia con il popolo del Saharawi che da oltre 40 anni vive con grande dignità e operosità nei campi profughi allestiti dall’ONU in territorio algerino, nella parte più aspra e inospitale del deserto del Sahara, a causa dell’occupazione da parte del Marocco del loro territorio (il Sahara occidentale).
Prima del saluto finale piccoli ospiti hanno donato al sindaco una fotografia che li ritrae insieme in un momento di gioco mentre la presidente Ninfa Contigiani a nome del Consiglio della donne, ha donato dei vasetti di miele che i bambini porteranno al ritorno nel campo profughi.