Home / Taccuino / Teatro classico: l’Ilialde di Maifredi approda nell’area romana di Helvia Recina
Teatro classico: l’Ilialde di Maifredi approda nell’area romana di Helvia Recina

Teatro classico: l’Ilialde di Maifredi approda nell’area romana di Helvia Recina

Si rinnova per il ventesimo anno consecutivo l’appuntamento estivo con il TAU/Teatri Antichi Uniti, rassegna regionale di teatro classico che in una coniugazione funzionale e gradevole di beni e attività culturali offre l’opportunità di fruire i luoghi di interesse archeologico per la spettacolarizzazione restituendoli ad un ampio uso dall’impegno congiunto di Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, Regione Marche, Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio delle Marche, AMAT e i Comuni di Ancona, Ascoli Piceno, Corinaldo, Cupra Marittima, Fabriano, Falerone, Fano, Grottammare, Macerata, Matelica, Monte Rinaldo, Pesaro, San Severino Marche, Urbisaglia. L’edizione 2018 – dal 29 giugno al 13 agosto – presenta ventitré appuntamenti ospitati in luoghi suggestivi di grande fascino.
L’inaugurazione il 29 giugno è al Teatro Gentile di Fabriano con Marco Paolini in U. Piccola Odissea tascabile, un’Odissea ridotta a un oratorio diviso in movimenti, rapsodie e ballate. “Ho scritto questa sintetica Odissea quindici anni fa e da allora l’ho letta e suonata di tanto in tanto, sia da solo che in compagnia”, afferma Marco Paolini. È un viaggio di grande fascino nell’Iliade quello proposto con il progetto di Sergio Maifredi Iliade un racconto mediterraneo prodotto dal Teatro Pubblico Ligure. “Iliade è un racconto della prima guerra del Mediterraneo, la prima guerra mondiale, il mare con le terre conosciute intorno, tremila anni fa. Iliade è l’archetipo, il paradigma delle guerre che verranno”, scrive Sergio Maifredi. La narrazione orale di questa affascinante opera è affidata il 1 luglio a Valerio Massimo Manfredi con Iliade la prima guerra mondiale al Teatro Romano Helvia Recina di Macerata e il 28 luglio a Tullio Solenghi con Il duello per Elena all’Area Archeologica La Cuma di Monte Rinaldo.