Ultime notizie
Home / News / “Silenzio assordante sull’omicidio di Pamela”. Pantana e Diopp invitano lo psichiatra Meluzzi a Macerata
“Silenzio assordante sull’omicidio di Pamela”. Pantana e Diopp invitano lo psichiatra Meluzzi a Macerata

“Silenzio assordante sull’omicidio di Pamela”. Pantana e Diopp invitano lo psichiatra Meluzzi a Macerata

Lo psicoterapeuta Alessandro Meluzzi sarà a Macerata domenica prossima. Per cercare di far luce sull’efferato omicidio di Pamela Mastropietro che ormai da oltre due mesi, ha sconvolto la città. Ad invitarlo sono Deborah Pantana e Paolo Diopp, lei consigliere comunale di Forza Italia, lui rappresentante del Movimento Nazionale di Gianni Alemanno. Meluzzi è stato spesso ospite di trasmissioni televisive dedicate proprio al caso della giovane romana uccisa e poi sezionata in un appartamento a Macerata lo scorso 30 gennaio; tre nigeriani sono accusati dell’efferato omicidio. Meluzzi incontrerà i maceratesi domenica 8 aprile, alle 11, nella Sala Castiglioni della Biblioteca Mozzi-Borgetti e, visto che in quella data si celebra la Pasqua per gli ortodossi, Meluzzi celebrerà prima una messa essendo a capo della chiesa ortodossa italiana autocefala, patriarcato di Parigi. E’ stata invitata anche la mamma di Pamela, Alessandra Verni che probabilmente verrà a Macerata. “Abbiamo chiamato Meluzzi perchè è un esperto – dichiara Deborah Pantana – vogliamo cercare di fare chiarezza su questo caso sul quale il sindaco continua a mantenere un silenzio incomprensibile. Eppure devrebbe essere lui stesso a chiedere la verità su quanto è successo. Peraltro c’è tutto il tema dell’immigrazione che pesa in questa storia e in un’accoglienza insostenibile per il nostro territorio”. Sulla questione Paolo Diopp si è soffermato soprattutto per chiedere che “venga cambiato il modo di accogliere. Oggi c’è un assistenzialismo che è quasi dovuto, ma che poi porta allo uno scontro sociale”. Alla presentazione dell’incontro sono intervenute anche Orietta Quarchioni, Loretta Gianfelici e Maria Ester Sperandini, impegnate in associazioni che assistono donne in difficoltà e che hanno parlato di una effettivo deteriramento della situazione sociale a Macerata negli ultimi anni.