Home / News / Edizione della “speranza” per l’Infiorata di Castelraimondo sotto la guida dell’imprenditore Sandro Parcaroli
Edizione della “speranza” per l’Infiorata di Castelraimondo sotto la guida dell’imprenditore Sandro Parcaroli

Edizione della “speranza” per l’Infiorata di Castelraimondo sotto la guida dell’imprenditore Sandro Parcaroli

La 25esima edizione dell’Infiorata di Castelraimondo sarà all’insegna della speranza. Quella che deve riempire i cuori per prospettare un futuro rivolto alla rinascita del territorio dopo il sisma. L’Infiorata del Corpus Domini si svolgerà dall’11 al 18 giugno prossimi. Protagonista un lungo tappeto fiorito con venticinque opere d’arte, realizzate con i petali di novantamila fiori freschi.  Un grande evento della tradizione che richiama tantissime persone e che quest’anno vede il fattivo contributo di un imprenditore di successo, Sandro Parcaroli, amministratore unico di Med Computer, nel ruolo di presidente del Comitato Infiorata. Un incarico che Parcaroli ha accolto per amore della sua terra, visto che vive a Castelraimondo. Tra i suoi input, il coinvolgimento del Macerata Opera Festival nella giornata conclusiva dell’evento con lo spettacolo gratuito Florilegio di note, lo Sferisterio a Castelraimondo fra brani d’opera e poesia ispirata ai fiori, a cura del direttore artistico del Mof  Francesco Micheli. E poi il legame con l’innovazione grazie alla Med Innovations di Stefano Parcaroli. Dalla nuova immagine dell’Infiorata, al sito dedicato passando per l’App, con la tecnologia beacon. L’ultima frontiera del marketing di prossimità  arriva a Castelraimondo per offrire alle migliaia di turisti un’esperienza unica e coinvolgente. Tra le opere dell’Infiorata verranno sistemati i beacon, dispositivi di pochi centimetri che, attraverso il bluetooth comunicheranno con il proprio smartphone inviando notifiche all’App dedicata. In questo caso, guideranno il visitatore tra i quadri di fiori e racconteranno cosa sta vedendo davanti ai propri occhi: una descrizione dettagliata dell’opera stessa oltre alla storia dell’associazione che l’ha ideata.