Home / News / Dall’Obuv di Mosca timidi segnali positivi per il settore calzaturiero marchigiano
Dall’Obuv di Mosca timidi segnali positivi per il settore calzaturiero marchigiano

Dall’Obuv di Mosca timidi segnali positivi per il settore calzaturiero marchigiano

Per il mondo calzaturiero marchigiano arrivano notizie di timidi segnali di ripresa dall’Obuv, l’importante manifestazione fieristica che si è conclusa giovedì a Mosca che rappresenta un validissimo strumento di misura per misurare l’export verso il mercato russo e dell’Est. 130 le aziende italiane che vi hanno preso parte di cui ben 77 provenienti dalle Marche (57 da fermo e 17 da Macerata). La nostra regione resta in testa all’export relativo alle scarpe verso la Russia nonostate il 2014 e il 2015 abbiamo segnato perdite di quote di mercato importanti. Ma il 2016, non solo ha bloccato questa emorragia ma ha dato segnali di crescita rispetto ai due anni precedenti, anche se nulla è stato fatto questi segnali sono notevolmente apprezzati dalle aziende del settore.