Ultime notizie
Home / News / Sarà per un’altra volta. Prima regionale per il cortometraggio sul paesaggio delle Marche
Sarà per un’altra volta. Prima regionale per il cortometraggio sul paesaggio delle Marche

Sarà per un’altra volta. Prima regionale per il cortometraggio sul paesaggio delle Marche

È girato interamente nelle Marche, tra suggestivi paesaggi dal forte impatto visivo, il cortometraggio “Sarà per un’altra volta”, diretto da Adriano Giannini e prodotto da Ombla Production con il sostegno della Regione e di Marche Film Commission – Fondazione Marche Cultura. Il breve e innovativo film, che ora approda ad Ancona per la sua ‘prima regionale’, rientra nell’ambito del progetto ‘Marche Landscape Cine Fund’ che promuove e tutela il paesaggio, in particolare le aree interne, rendendo maggiormente attrattivi luoghi e contesti grazie alla narrazione filmica. Alla presentazione stampa ha partecipato l’attore Raffaele Gangale: nel cast artistico interpreta uno degli ominidi protagonisti. Il progetto ‘Marche Landscape Cine Fund’ è entrato in una seconda fase. Attraverso la collaborazione tra Regione Marche e la nuova  Fondazione Marche Cultura, ha dato avvio a un accordo con il Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma – Scuola Nazionale di Cinema (diretta da Gianni Amelio) per finanziare e realizzare un progetto cinematografico di studenti della scuola sul tema del paesaggio delle Marche. Prevede inoltre una selezione pubblica per cortometraggi di giovani film-maker Under 35.
“Sarà per un’altra volta”  è un film che si concentra soprattutto sulle bellezze naturali della regione quali parchi, grotte e boschi. Le riprese hanno interessato territori rurali distribuiti su tre province. Le location coinvolte sono la Faggeta di Canfaito (Monte San Vicino e Monte Canfaito); le Grotte dei Baffoni, del Fiume e Valle Scappuccia (Gola della Rossa e Frasassi); Sasso Simone e Simoncello (Carpegna). Hanno richiesto 14 giorni di lavorazione, con una ricaduta economica sul territorio di oltre 25 mila euro, a fronte di un investimento regionale di 18 mila euro. Sette le maestranze marchigiane impiegate.