Home / News / Capodanno all’insegna della solidarietà negli eventi maceratesi. Sono tutte bimbe le prime nate del 2017
Capodanno all’insegna della solidarietà negli eventi maceratesi. Sono tutte bimbe le prime nate del 2017

Capodanno all’insegna della solidarietà negli eventi maceratesi. Sono tutte bimbe le prime nate del 2017

Fine d’anno e inizio del 2017 caratterizzati anche questa volta da tante feste e da nuove nascite nel maceratese. Quest’anno però con la variante del post terremoto che ha trasformato gli eventi in gare di solidarietà. A cominciare da Civitanova finita alla ribalta nazionale per aver ospitato il Capodanno Con Gigi D’Alessio in diretta anche su Canale 5. Piazza XX Settembre gremita e soprattutto tanti riferiementi alla popolazione colpita dal terremoto. Raccolta di fondi, grazie al numero 45513 che, fino al 29 gennaio, permette di effettuare una donazione da rete fissa o mobile e donazioni durante la serata di 10mila euro al Comune di Ussita e di 20mila a quello di Tolentino, grazie agli sponsor. Al centro Fiere di Villa Potenza più di mille persone si sono ritrovate per il cenone ed altrettante successivamente per la serata in musica, in primo piano i prodotti tipici delle terre terremotate. L’incasso della serata sarà destinato a progetti di promozione turistico-culturale sulla Valnerina. A Visso, nella tensostruttura della Croce Rossa, in tanti hanno partecipato alla cena preparata dai poliziotti della scuola ufficiali di Maddaloni, aiutati dal sesto reggimento logistica di Budrio dell’esercito. A Tolentino cenone degli sfollati nel tendone allo Spazio 815 a cui ha partecipato anche il sindaco Giuseppe Pezzanesi.
Sul fronte delle nascite tra vecchio e nuovo anno, sono tutte in rosa e quasi tutte con genitori di origini stranieri le bimbe venute al mondo. Il primato per il 2017 tocca a Ashvi, nata alle 2,10 all’ospedale di Civitanova, la mamma è di nazionalità indiana. Prima nata del 2016 al nosocomio di Macerata, Xhovana, venuta alla luce alle 18, la mamma è di origini albanesi. Tanti auguri alle rispettive famiglie.