Ultime notizie
Home / News / San Giuliano Ospitaliere. Macerata festeggia il patrono con un progetto di solidarietà
San Giuliano Ospitaliere. Macerata festeggia il patrono con un progetto di solidarietà

San Giuliano Ospitaliere. Macerata festeggia il patrono con un progetto di solidarietà

Iniziate a Macerata le celebrazioni del patrono San Giuliano. Una celebrazione in forma sobria per vicinanza e solidarietà alle popolazioni terremotate. Annullati tutti gli spettacoli e fuochi di artificio, annullati anche gli incontri con le città gemelle di Macerata: Weiden., Issy Les Moulineaux e Floriana, le cui delegazioni non raggiungeranno Macerata per i tradizionali festeggiamenti patronali.
Il sindaco ringrazia pubblicamente gli amministratori e la popolazioni delle città gemellate per la vicinanza e l’affetto manifestati all’Amministrazione ed ai maceratesi in questi giorni difficili.
San Giuliano veste dunque i panni della solidarietà e dell’accoglienza, insiti nella figura del santo protettore di Macerata.
Piazza della Libertà è dedicata alla solidarietà e alla raccolta fondi per il progetto MacerataVicina per una scuola in uno dei comuni terremotati.
Oltre agli stand dell’Avis, della Croce verde e di altre associazioni di volontariato, è attivo lo stand gastronomico della Pro Loco per raccogliere i contributi per il fondo di solidarietà, aperto il 29, 30 agosto e 31 solo a cena dalle 19.30 e il 31 agosto sarà possibile consumare anche il pranzo dalle 12.30. La tradizionale fiera delle merci si svolge regolarmente, a partire da oggi pomeriggio, ma con una dislocazione diversa per garantire la pubblica incolumità evitando l’affollamento delle vie.
Circa 52 bancarelle spostate intorno all’ovale dei Giardini Diaz. Sono gli ambulanti di via Garibaldi e alcuni di piazza Mazzin. Nel complesso sono circa trecento le bancarelle posizionate in tutto il centro cittadino. Spazio anche agli stand delle associazioni sportive che promuovono le proprie attività, con esibizioni e materiale promozionale.
La Santa Messa del 31 agosto, alle 18, è stata spostata allo Sferisterio per la chiusura del Duomo, mentre la processione con il braccio del santo lungo le vie del centro è stata annullata.