Home / News / Valfornace: il nuovo Comune nasce dalla fusione di Pievebovigliana e Fiordimonte
Valfornace: il nuovo Comune nasce dalla fusione di Pievebovigliana e Fiordimonte

Valfornace: il nuovo Comune nasce dalla fusione di Pievebovigliana e Fiordimonte

I Comuni di Pievebovigliana e Fiordimonte (fino a metà Ottocento un unico comune) sono pronti a fondersi per dare vita a Valfornace. Viene così portato a termine un processo avviato nel 2013. Nei locali della Civica enoteca maceratese è stato presentato ieri il progetto alla presenza degli assessori regionali agli enti locali, Fabrizio Cesetti e alle aree interne Angelo Sciapichetti, dei sindaci di Pievebovigliana e Fiordimonte, Sandro Luciani e Massimo Citracca. “Mi congratulo con i sindaci – ha detto Cesetti – e i consigli comunali, per la determinazione e il coraggio per un passaggio storico che guarda al futuro e recupera al tempo stesso il passato. La storia si riconcilia con se stessa, due realtà che storicamente erano unite, tornano insieme. Si fondono risorse per migliorare i servizi ai cittadini di oggi e di domani, si fornisce un esempio da seguire. Poi arriveranno maggiori trasferimenti, forse anche maggiori risorse regionali, ma il senso dell’operazione non è solo questo, non si tratta solo di qualche euro in più, bensì di un processo istituzionale. C’è molta vivacità nel territorio regionale, dopo Vallefoglia e Tre Castelli nel nord delle Marche, questa è la terza aggregazione, che considero compiuta, viste le delibere dei consigli comunali adottate all’unanimità, che dimostrano grande maturità politica e istituzionale. Poi ci sono iniziative nel centro sud della Regione, con Bolognola e Sarnano, Fiastra e Acquacanina, Comunanza e Palmiano”.
Le delibere dei consigli comunali vengono ora trasmesse alla Giunta regionale e da questa all’Ufficio di presidenza dell’Assemblea legislativa regionale. Quest’ultima predisporrà il progetto di legge che verrà inviato per l’acquisizione dei relativi pareri ai consigli comunali dei comuni interessati, alla Provincia di Macerata e al Consiglio delle Autonomie locali. Successivamente verrà indetto un referendum ed infine approvata la legge regionale istitutiva.
Ascoltiamo le interviste a Fabrizio Cesetti, Angelo Sciapichetti e Sandro Luciani