Home / News / Export europeo in difficoltà per il calzaturiero marchigiano
Export europeo in difficoltà per il calzaturiero marchigiano

Export europeo in difficoltà per il calzaturiero marchigiano

Confartigianato Imprese Macerata ha esaminato gli ultimi dati disponibili (fonte Unioncamere-Infocamere) relativi alle due province marchigiane a più alta specializzazione nel comparto calzaturiero: Fermo e Macerata. Per quanto concerne le imprese artigiane alla fine del I° trimestre 2015 nel settore della “calzature” risultano registrate 1.739 imprese nella provincia di Fermo e 712 imprese in quella di Macerata. Complessivamente nelle Marche sono 2.577 le imprese artigiane del comparto e le due province considerate ne concentrano quasi la totalità, il 95,1%, a fronte di un’incidenza del totale delle imprese artigiane del fermano e del maceratese sul totale dell’artigianato regionale del 37,7%. Per ciò che riguarda l’occupazione dagli ultimi dati disponibili (Istat 2013) gli addetti delle imprese attive delle calzature complessivamente considerate (artigiane e non artigiane) sono 17.137 nella provincia di Fermo e 6.972 nella provincia di Macerata. Interessante sono senza dubbio i dati riferibili all’export. Nel 2014 le esportazioni di calzature della provincia di Fermo ammontavano a 840,3 milioni di euro, quelle della provincia di Macerata a 415,1: in totale 1.255,4 milioni di euro, pari al 78,9% delle esportazioni del comparto delle Marche. Considerando il dato relativo al I° trimestre 2015, le esportazioni di calzature dal fermano sono state pari a 241,0 milioni di euro (il 69,3% dell’export manifatturiero della provincia), mentre quelle della provincia di Macerata hanno toccato quota 118,9 milioni di euro, per una quota pari al 28,8% dell’intero export manifatturiero della provincia. Raffrontando i dati del I° trimestre 2015 con il corrispondente trimestre del 2014 si rileva che nella provincia di Fermo si è registrata una diminuzione del 4,1% ed il quella di Macerata del 5,2%. Complessivamente nella regione la diminuzione è stata del 5,3%, in controtendenza rispetto alla media nazionale (-1,0%).