Ultime notizie
Home / News / In lenta ripresa l’economia marchigiana ma si deve investire, lo dice Bankitalia
In lenta ripresa l’economia marchigiana ma si deve investire, lo dice Bankitalia

In lenta ripresa l’economia marchigiana ma si deve investire, lo dice Bankitalia

Domanda interna in leggera ripresa (+3,2%), produzione stabile, arresto della caduta di investimenti delle imprese, frenata della flessione dei prestiti (-0,7% a marzo 2015), più transazioni edilizie (+1%) e occupati (1,6%). Rispetto al quadro negativo di novembre, il rapporto della Banca d’Italia sull’andamento dell’economia marchigiana mostra ora segnali positivi che sono ancora “molto deboli” e fanno pensare più a un “rimbalzo ciclico” che a una ripresa solida. L’impatto complessivo della crisi è stato maggiore nelle Marche che in Italia, Il brusco calo delle esportazioni marchigiane in Russia nel 2014 (-17%) ha fatto diminuire di oltre un punto percentuale il trend dell’export regionale e penalizzato soprattutto i comparti di calzature (-3,1%) ed elettrodomestici (-3,6%). Lo dicono i dati del rapporto della Banca d’Italia sull’andamento dell’economia marchigiana: lo scorso anno l’export è cresciuto del 7,5% e dell’1,9% al netto dei trasferimenti farmaceutici infragruppo (20% del totale). Hanno fatto da traino i prodotti petroliferi, grazie alla riattivazione della raffineria Api, i tessili e d’abbigliamento (8,7%), i mezzi di trasporto (6% grazie alla nautica da diporto) e i meccanici (+1,9%). In calo i mobili (-6,3%). L’export verso l’area euro è cresciuto del 14,1% mentre quello verso l’Europa centro-orientale è crollato (-15%). E’ rallentato l’aumento di esportazioni verso l’Asia (+5%) e risultato in calo verso gli Usa, -3,2%, dovuto soprattutto alla meccanica.