Home / News / Elezioni comunali a Macerata, molti i candidati “traditi” dalle urne
Elezioni comunali a Macerata, molti i candidati “traditi” dalle urne

Elezioni comunali a Macerata, molti i candidati “traditi” dalle urne

Ogni tornata elettorale porta oltre che la gioia dell’elezione anche la faccia triste di chi non è riuscito ad ottenere un risultato che lo confermasse o lo facesse entrare in Consiglio comunale. Diverse le esclusioni eccellenti ad iniziare da Nicola Perfetti del PD che dopo essere stato indicato come alternativa a Carancini nelle Primarie ha raccolto 94 voti, rimangono fuori dall’assise comunale Marco Morresi, che potrebbe rientrare con il gioco degli assessori, Daniele Staffolani e Maurizio Romoli del PD. Risultato deludente per l’Idv che ha raccolto l’1,55% e ne fanno le spese l’assessore Urbani e Giuliano Meschini, ago della bilancia nelle Primarie. Fuori anche Tartabini, che potrebbe essere ripescato, e Ciarlantini così come il segretario comunale dell’Udc Pizzichini. Out anche Michele Lattanzi, Luciano Borgiani e Stefano Blanchi dei Comunisti Italiani.Anche nel centrodestra vittime illustri come Giorgio Ballesi, Uliano Salvatori e Francesco Formentini. Delusione n otevole per Francesca D’Alessandro di Macerata è nel Cuore che nonostante sia stata la donna più votata, 190 preferenze, resta fuori dal Consiglio.