Home / News / Dati incoraggianti per l’export marchigiano nel mondo
Dati incoraggianti per l’export marchigiano nel mondo

Dati incoraggianti per l’export marchigiano nel mondo

Le imprese portano le Marche nel mondo per un saldo di 5 miliardi di euro. Sono stati 195 i Paesi dove nel 2014 gli imprenditori marchigiani hanno venduto i loro prodotti. Dai mobili in Mozambico alle calzature in Uzbekistan e in Groenlandia. Dagli elettrodomestici nel Bhutan ai prodotti da forno in Nuova Zelanda. Un viaggio nei cinque continenti che ha riportato le esportazioni marchigiane ai livelli antecedenti la crisi ricordano i centri studi di Cna e Cgia. Lo scorso anno le imprese marchigiane hanno esportato merce per 12,3 miliardi di euro come nel 2007, rispetto agli 8 miliardi del 2008 ed agli 11,6 miliardi del 2013, con un aumento del 7,5%, ben superiore alla media nazionale, che è stata del 2%. Sono aumentate anche le importazioni, da 6,8 a 7 miliardi di euro mentre per l’Italia sono diminuite dell’1,6%. Il mercato di riferimento delle imprese marchigiane rimane quello dell’Unione Europea, dove lo scorso anno sono state vendute merci per 7,6 miliardi di euro, pari al 61,3% di tutto l’export regionale e tra i principali mercati in forte crescita quello inglese (+16,6) grazie alle macchine industriali ed ai prodotti della moda mentre quello russo, a causa dell’embargo per la crisi con l’Ucraina, ha perso nel 2014 il 17,1%.