Home / News / Chiude l’Ufficio stranieri a Civitanova. La protesta dei sindacati
Chiude l’Ufficio stranieri a Civitanova. La protesta dei sindacati

Chiude l’Ufficio stranieri a Civitanova. La protesta dei sindacati

I segretari regionale e provinciale del Silp-Cgil, Furio Mercanti e Francesco Menichelli, annunciano la chiusura dell’ufficio immigrazione di Civitanova sulla quale nascono una serie di polemiche. A quanto pare sulla chiusura non c’è stata nessuna consultazione, e i sindacati protestano chiedendo un incontro con il prefetto. La Cgil, affiancata dalla Polizia e dal Silp, è contrariata per questa scelta che va a depotenziare la sicurezza e il controllo territoriale. Solo nel 2013 sono state trattate 2.843 pratiche di sanatoria e completate 2.637 pratiche di permesso di soggiorno; in servizio c’erano due persone ma quando una delle due ha lasciato l’ufficio, il questore Leucio Porto ha deciso di chiudere i battenti. Nel 2007 doveva essere attuato un progetto del Comune con la società Civitanova 2000 per una nuova caserma pronta in 18 mesi, ma non se ne è fatto niente. Ora il nuovo progetto Cottarelli propone l’accorpamento della Polstrada di Porto Recanati con quella di Civitanova e il taglio della polizia postale a Macerata.